close
Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia
Cammini in Italia, per un autunno slow e low cost

Cammini in Italia, per un autunno slow e low cost

19 settembre 2017915Views
losaiche_cover_cammini

In Italia negli ultimi anni si sono sviluppati tantissimi cammini, che ripercorrono le antiche strade dei pellegrini, da nord a sud Italia per una vacanza slow, low cost e a contatto con la natura.

Cosa c’è di bello e perché fare una vacanza o un itinerario percorrendo queste antiche vie? Innanzitutto si sta a contatto con la natura e poi si possono fare anche solo alcune tappe, per i meno preparati fisicamente e per chi ha solo il weekend a disposizione. In autunno i panorami sono mozzafiato. Spesso lungo questi cammini si trovano rifugi, ostelli e l’ospitalità tipica dei cammini contribuisce ad alimentare l’atmosfera del cammino senza alleggerire troppo il portafoglio, così da avere un occhio di riguardo anche ad un turismo sostenibile e lento, più consapevole delle bellezze della nostra Italia.

CA_losaiche_cammini_immagineinterna_02

Da Bologna a Firenze si sviluppa la Via degli Dei, forse la più corta, una via che passa per l’Appennino partendo direttamente da Piazza Maggiore, passando per San Luca e seguendo il lungo Reno per arrivare a Sasso Marconi, da qui la tappa successiva è Contrafforte Pliocenico e infine si arriva a Firenze con una spettacolare vista dall’alto da Fiesole. L’itinerario della Via degli Dei unisce in circa 130 km Bologna a Firenze, ripercorrendo un’antica viabilità storica utilizzata fin dall’epoca romana di cui ne sono testimoni i caratteristici selciati di origine romana che si trovano in diversi tratti del percorso.

C’è poi la famosissima Via Francigena, che partiva da Canterbury e arrivava fino a Roma. Oggi la Via Francigena attraversa l’Italia, dal Gran San Bernardo a Roma, contando 44 tappe e 1000 km circa. Trattandosi però di una rete di vie è possibile suddividere il lungo tragitto in diversi itinerari e percorrerli così separatamente.

La Via della Transumanza si trova sempre in Italia ed è più di 200 chilometri di sali e scendi, dall’Abruzzo alla Puglia. Antica via pastorale che si percorreva per la transumanza delle greggi, oggi si può percorre a piedi anche in 10 giorni attraversando valli, antichi borghi e piccoli centri.

Oltre alle vie più conosciute, ci sono anche le vie così dette minori, come il Cammino di Assisi che parte a Dovadola (in Provincia di Forlì e Cesena) e arriva fino in Umbria. Il percorso si snoda attraverso 300 chilometri ad un’altezza massima di 1250 metri, passando per le foreste tosco-romagnole e scendendo verso lunghi tratti pianeggianti. Il Cammino di Assisi è percorribile in 12-13 giorni e attraversa località come Verna, Camaldoli e Gubbio.

Un’altra via minore è la Via degli Abati, che raggiunge un dislivello complessivo di 6000 metri nei 190 chilometri della così detta Via Francigena di montagna che corre lungo l’Appennino tosco-emiliano. Percorsi impegnativi tra sentieri, mulattiere, valli e crinali che partono da Bobbio, nella provincia di Piacenza e arrivano a Pontremoli, in Toscana. Un percorso un po’ più impervio e forse non adatto a tutti.

CA_losaiche_cammini_immagineinterna_03

Come si risparmia durante questi viaggi? Le vie di cammino attraverso l’Italia sono fatte per scoprire il territorio in modo più lento, per vivere un’avventura, in solitaria o in gruppi ristretti, campeggiando, quindi senza hotel di lusso o ristoranti costosi.