close
Fai Yoga della risata!

Fai Yoga della risata!

2 ottobre 20151628Views
risate_preview

La mitica Audrey Hepburn sosteneva che ridere era il modo migliore per bruciare calorie.

Una tesi assecondata da numerosi esperti. Uno studio condotto dagli esperti della Vanderbilt University di Nashville, negli Stati Uniti, ha messo in evidenza che ridere aiuta a rimanere in forma e permette di consumare quanto una passeggiata a ritmo veloce. Lo sapevate? E non solo. La risata è come una terapia: serve per potenziare il sistema immunitario, per abbassare il livello di stress e per migliorare le prestazioni. Ne è convinto Richard Romagnoli che, dopo aver vissuto molti anni nel Sud dell’India, per completare la sua conoscenza spirituale, è tornato in Italia contagiando tutti con la sua filosofia di vita legata proprio alla risata. La sua missione si ispira a Madan Kataria, fondatore dello Yoga della Risata, ed è quella di apportare benefici positivi nella vita delle persone, comunicando da cuore a cuore le virtù terapeutiche, che si sprigionano per mezzo della risata e del potere creativo e curativo della mente subconscia. Oggi è Life Coach di numerosi artisti e celebrities dello spettacolo e della moda.

Quando una persona è interiormente felice renderà tutto il mondo circostante felice e più sono le persone interiormente felici più il mondo sarà coerentemente in pace. Questa la sintesi del pensiero.

yoga_articolo

Insomma, tanto vale provare. Non siete tra quelli che hanno il sogghigno pronto? Potete allenarvi. Come? Basta seguire una lezione gratuita di Yoga della Risata, promossi in tutta Italia dai Club della Risata (gli incontri vengono organizzati periodicamente una volta a settimana o ogni 15 giorni, secondo un calendario on line su LaughterYoga.org e su richardromagnoli.com). Tutti possono cimentarsi, a qualsiasi età. Sono esercizi semplici e divertenti. «Ci si siede a terra, con le gambe incrociate e gli occhi aperti verso il mondo, spiega il guru Richard. Poi ci si rilassa e ci si lascia ridere incondizionatamente, in modo tale da avere un profondo cambiamento che supera il concetto di razionalità. Per facilitare questi passaggi, ci si dedica una ventina di minuti alle tecniche di respirazione».

La storia di Richard è raccontata anche nel suo libro “Ho imparato a ridere” (Eifis Editore) e anche le presentazioni della sua guida diventano momenti di sorrisi e di esperienze. Del resto, come sono soliti ripetere: “Quando tu ridi, cambi. Quando tu cambi il mondo cambia con te.”

gruppo_articolo