close

Puglia Open Days

11 settembre 20151107Views
anteprima_lecce

Il bianco delle case che sembra accendersi di argento sotto i raggi del sole.

L’azzurro del mare trasparente dove, ogni anno, bagnano i piedi personaggi famosi come Raz Degan, Katherine Price Mondadori, Kean Etro, Lino Banfi. Le distese di uliveti a perdita d’occhio: tronchi contorti, nodosi e corrosi in forme bizzarre dal vento. E poi i centri storici dei paesi, un pullulare di vicoli che sembrano raggomitolarsi tra di loro. Questa è la Puglia che per le vacanze estive si è confermata tra le regioni d’Italia più affollate. Ma il Tacco d’Italia è anche arte, con un ricco patrimonio culturale, in sei differenti aree, tutte da scoprire in maniera gratuita. Non perdete l’occasione, fino al 26 settembre, di vivere la “Puglia Open Days“. Ogni sabato, a disposizione decine e decine di itinerari guidati serali e notturni (dalle 20 alle 23), completamente free. E poi aperture straordinarie di castelli, chiese, musei, parchi, teatri, siti archeologici.

Così se vi trovate a Bari, il tour del centro storico, con anche delle performance teatrali, vi conduce tra il teatro Petruzzelli, la Pinacoteca Metropolitana, la sala Murat. A Conversano, si fa tappa alla Pinacoteca Comunale, all’interno del Castello. Accoglie dieci maestose tele che raffigurano episodi della “Gerusalemme Liberata” di Torquato Tasso e sono opera del napoletano Paolo Finoglio, pittore seicentesco. Al piano superiore, inoltre, c’è il museo di Moda e Costume (ingresso gratuito sempre, anche al di fuori di questa manifestazione) per un tuffo nel passato. Una gioia per gli occhi delle donne, tra abiti da sera di seta nera, con inserti di tulle sul corpetto, e abiti da passeggio, impreziositi da perline dorate, coralli e pizzi. Una stanza è dedicata al matrimonio. Lo sapevate? Le spose della nobiltà non si vestivano di bianco per differenziarsi dal popolo, ma sceglievano la seta damascata color pastello e beige.

grotta_articolo

Se amate le profondità, vi piaceranno le Grotte di Castellana che risalgono a circa 100 milioni di anni fa. Pensate che “scenderete” di ben 60 metri, circondati da uno spettacolo naturale senza eguali: stalattiti, stalagmiti, fossili, fino ad arrivare alla Grotta bianca, definita “la più splendente del mondo”.

Cambiando provincia, a Lecce, protagonista della manifestazione, sarà l’architettura barocca con l’apertura serale del Duomo dell’Assunta. A Vieste, nel Gargano, potrete fare un tuffo nei Trabucchi di Molinella, di San Lorenzo e di Porticello, ovvero questi giganti di legno usati per la pesca e frutto dell’ingegnosità dei pescatori di un tempo. Vi mostreranno anche come si fa la tradizionale piccola pesca marittima, ma rimarrete soprattutto affascinati da quell’intreccio di travi e funi così fragile e leggero allo sguardo, quanto flessibile e resistente alla furia delle mareggiate.

Per il calendario e le tappe visitate il sito viaggiareinpuglia.it

trulli_articolo