close
Un weekend in agriturismo… anzi bio-agriturismo

Un weekend in agriturismo… anzi bio-agriturismo

25 ottobre 20181456Views
losaiche_3Bio_cover_interna

Buongiorno viaggiatori, oggi vogliamo parlarvi di tre mete per un weekend d’autunno che strizzi l’occhio alle proposte green, biologiche e biodinamiche, pronti a viaggiare all’insegna del gusto con noi?

Vi portiamo in Toscana al Bioagriturismo il Cerreto, in Trentino all’azienda agricola Il Ritorno con soggiorno presso il Garny Lilly e in Liguria a Ca’ du Ferrà.

Anche quando viaggiamo possiamo fare la differenza scegliendo aziende che rispettano la natura e cercano di diminuire il più possibile l’impatto ambientale. Tutte le strutture di cui vi parliamo in questo articolo sono state testate personalmente, le abbiamo veramente adorate e crediamo che siano davvero perfette da vedere in questa stagione per chi, come noi, ha un occhio di riguardo per la sostenibilità grazie alle scelte che portano avanti ogni giorno.

Toscana – Biograturismo il Cerreto

Quando sono arrivata a Il Cerreto non potevo credere ai miei occhi per tanta bellezza a tavola. Solo piatti rigorosamente bio per la maggior parte prodotti in loco, per un’esperienza culinaria assolutamente tutta da provare. La piscina è anch’essa biologica (in realtà è un biolago di centocinquanta metri quadrati con piante acquatiche decorative e depurative) e il giardino offre una vera chicca: l’altalena dell’amicizia da provare rigorosamente in due. Tutto ruota intorno all’antica torre del 1700 intorno alla quale negli anni sono stati costruiti due gruppi di case coloniche che ospitano sei camere. Periodicamente vengono organizzati corsi di cucina naturale e visite guidate nel bosco. Il Cerreto si trova a poca distanza da Pomarance e dal parco geotermale della Valle del Diavolo dove potrete ammirare il fenomeno naturale dei geyser e i soffioni boraciferi presso il sito geologico delle Biancane.

Per informazioni: bioagriturismoilcerreto.it

losaiche_3Bio_IMGinterne_02

Trentino – azienda agricola Il Ritorno e Garnì Lillì

L’azienda agricola Il Ritorno è bellissima anche solo da vedere: completamente in legno e materiali naturali, permette di mangiare cibo a chilometro zero in una cornice di design. E se volete davvero esagerare provate l’esperienza emozionale offerta dalla padrona di casa, un percorso sensoriale nel bosco con risveglio energetico che vi rimetterà in pace col mondo. E per dormire? Non potete che scegliere lo splendido Garnì Lilly che si raggiunge attraversando il piccolo e caratteristico borgo di Senaso dove si possono ancora incontrare i contadini che portano al pascolo il bestiame. Alla mattina la colazione della mamma Lory, rigorosamente trentina, vi delizierà con prodotti freschi e torte fatte in casa. A poca distanza il lago di Molveno e Andalo renderanno magico il vostro soggiorno qui.

Per info: il Ritorno e Garnì Lilly

Liguria – Ca du Ferrà

Qui ormai siamo di casa. L’agriturismo più vicino al mare di tutta la Liguria ti accoglie con una vista che spazia fino alla spiaggia tra le stradine e le case colorate del paesino di Bonassola. A pochi chilometri in treno si raggiungono le Cinque Terre quindi questa è la base ideale per chi cerca la pace che dà il dormire nel verde ma non vuole rinunciare alla visita di una delle meraviglie d’Italia. Di sera vicino al torrente, se la temperatura lo permette, si aspetta il tramonto con un buon bicchiere di vino magari proprio quello prodotto nell’omonima azienda vinicola che ogni viaggiatore trova ad aspettarlo appena entra nella camera in cui è ospitato. Ca’ Du Ferrà è impegnata nel recupero di vigneti antichi e produce ottimi vini che si possono testare su prenotazione direttamente a bordo vigna. Da non perdere il Lucciante, un corposo vermentino che è il nostro bianco preferito. Davide, enologo nonché proprietario, vi saprà trasmettere durante la visita al vigneto tutto l’amore che ha per queste terre e Giuseppe saprà darvi il migliore benvenuto appena arriverete in agriturismo.

Per info: agriturismo-caduferra.it

losaiche_3Bio_IMGinterne_03

Ed ora tocca a voi, quale delle tre soluzioni vi ispira di più?