close
Orto fai da te: 5 app per avere il pollice verde

Orto fai da te: 5 app per avere il pollice verde

15 maggio 20181742Views
losaiche_cover_orti_v2

Coltivare il proprio orto in casa è sicuramente il metodo più economico ed eco-sostenibile per avere frutta, verdura e odori sempre a disposizione. Non solo può essere un hobby, utile alla mente per staccare dal tran tran quotidiano, ma può essere anche un piccolo contributo per ridurre gli effetti negativi del trasporto alimentare su gomma. Senza contare che con i frutti del nostro orto sappiamo esattamente cosa mettiamo nel piatto. E l’hi-tech si rivela grande alleato in questa mission green e bio. Come? Vi propongo 5 app da scaricare per chi ha, o ancora deve scoprire di avere, il pollice verde.

Un vero e proprio assistente digitale che, una volta impostata la località dell’orto, fornisce le previsioni meteo e grazie a un calendario suggerisce i giorni migliori per la semina biodinamica. Tutto questo è Tomappo: l’app disponibile per Android e Ios indica giorno per giorno cosa è meglio coltivare in maniera tale che la crescita delle piante e la raccolta sia sostenuta dal potere della luna. E così ci sono date in cui è meglio seminare foglie, quindi lattuga e cavolo, in altre bisogna seminare i frutti, in altri giorni ancora radici come carote e patate, poi fiori e giornate da dedicare al trapianto. Tomappo vi guiderà nei singoli passaggi della coltivazione dell’orto ripagando tutti gli sforzi con informazioni dettagliate sulla semina, le piante e anche sulla risoluzione dei problemi in giardino.

CA_losaiche_orti_immagineinterna_02

Poi, per capire meglio l’influenza della luna sulla crescita delle piante c’è l’app Moon&Garden da scaricare su Google Play Store e iTunes. Anche se non esistono prove scientifiche, da millenni in agricoltura il sistema prediletto per la semina, l’innesto, la potatura e la lavorazione in generale della terra è legato ai cicli lunari. L’app fornisce informazioni dettagliate su come curare l’orto, con il calendario lunare ma indicando anche l’ora entro cui e dopo la quale, ad esempio, è meglio seminare foglie anziché frutti. Inoltre, con Moon&Garden è possibile accedere alla community e condividere con gli altri utenti foto e consigli sul proprio orto.

Impostate il vostro orto e il resto lo farà Pollice Verde Orto con tutti i consigli e i trucchi necessari a coltivarlo. L’app per Android ha anche una sezione dedicata alle erbe aromatiche: dal basilico allo scalogno fino allo zafferano, sono molti gli odori e le spezie di cui si possono trovare tutte le informazioni necessarie per coltivarle ed averle sempre a disposizione. Quando piantare il basilico? Qual è il terreno adatto allo scalogno? Lo zafferano ha bisogno di essere annaffiato? A tutte queste e altre domande con Pollice Verde Orto è possibile avere una risposta con un click.

La fase più importante per la preparazione di un orto o di un giardino è la progettazione. Per aiutarvi a superare ogni difficoltà c’è iScape l’app da scaricare su iTunes in maniera tale da organizzare l’orto al meglio, non solo da un punto di vista estetico ma anche per garantire la corretta disposizione alle diverse specie coltivate. Come funziona? Prima di spendere soldi è possibile visualizzare l’orto in maniera virtuale, basta scattare una foto e impostarlo. Poi si può condividere l’idea con la community degli iScappers per avere consigli e pareri sul progetto. Basti considerare che oltre 1 milione di utenti ha creato 5 milioni di progetti di giardinaggio e orto con iScape.

CA_losaiche_orti_immagineinterna_03

Mai piantare fragole vicino a broccoli e patate, le cipolle crescono meglio accanto a carote e pomodori, e sapevate che il basilico viene su meglio se è piantato vicino i cetrioli? Tecnicamente si chiama consociazione, in pratica pare che esista una lista di specie che è meglio, o non, coltivare in contemporanea poiché si influenzano nella crescita essendo vicine nel terreno. Per scoprire le più importanti consociazioni su Google Play Store potete scaricare l’app Ortobello che ha una lista di ortaggi con le consociazioni favorevoli e non. Perché in fondo, anche noi umani siamo così e la terra altro non rispecchia che noi stessi, nel bene e nel male.