close
Box doccia senza calcare: sogno o realtà?

Box doccia senza calcare: sogno o realtà?

14 agosto 2018442Views
losaiche_cover_doccia

Cosa c’è di più odioso del calcare? Il calcare nel box doccia ovviamente!

Vi capita mai di sfogliare le riviste di arredamento e restare abbagliati dalle foto di bagni super tecnologici e meravigliosi box doccia dai cristalli luccicanti e trasparenti? In quel momento decidete che nella nuova casa il box doccia sarà grande e luminoso come quello della rivista.

Nessuno però, vi dirà che dopo pochi giorni la guerra al calcare renderà la vostra vita un inferno. Dite che esagero?

Che il vostro box doccia sia piccolo o grande poco importa, sarà purtroppo inevitabile il formarsi del calcare sui cristalli.

Il rimedio più efficace ed economico è senza dubbio il tergi vetro. E’ necessaria una piccola spesa iniziale (costa davvero pochi euro) e la costanza di asciugare i vetri ogni qual volta venga utilizzata la doccia.

Molto pratici possono risultare anche gli appositi panni super assorbenti di microfibra che, asciugando le gocce d’acqua, eviteranno il riformarsi del calcare.

Passiamo ora ad alcuni accorgimenti sulla pulizia straordinaria per rimuovere in maniera ecologica ed economica il calcare già presente.

CA_losaiche_cover_immagineinterna_02

Prendete mezzo limone e cospargetelo di bicarbonato. Passate su tutta la superficie (vetri, maioliche e piatto doccia), lasciate agire qualche minuto e poi risciacquate per bene. Questo rimedio è utile anche come sbiancante naturale se si dovessero presentare macchie di muffa dovute all’umidità.

L’aceto, unico e impareggiabile, è l’anticalcare naturale per eccellenza. Basterà diluirlo un po’ (rapporto 1/2) in un flacone spray e pulire il box come un comune detergente.

L’acido citrico è un altro prodotto naturale molto efficace. Ne basta davvero poco per ottenere grandi risultati. Vi regalo una “magica pozione anticalcare”, eccola qui:

Occorrente:

  • 50gr di acido citrico
  • 500ml di acqua demineralizzata
  • Una bustina di camomilla (schiarente e antisettica)

Mescolate per bene nel flacone e poi pulite il box doccia come d’abitudine.

Vi ricordo che limone, aceto e acido citrico non vanno utilizzati su marmo o superfici delicate!

Il prossimo rimedio sicuramente vi stupirà, io stessa ne sono rimasta piacevolmente sorpresa. Sto parlando del dentifricio! Non scegliete quello costoso e di marca, msa uno economico a marca discount, meglio ancora se con effetto sbiancante riportato sulla confezione. Se utilizzerete quello che contiene i microgranuli, avrete anche l’effetto “abrasivo” che rimuove il calcare senza danneggiare i vetri. Passate il dentifricio all’interno del box doccia aiutandovi con una spugna appena inumidita. Attendete qualche minuto, poi sciacquate per bene ricordandovi di asciugare subito dopo.

Anche l’alcool, evaporando in fretta, previene il formarsi del calcare, pertanto dopo aver pulito potete asciugare con un panno imbevuto di acqua e alcool.

Un altro prodotto che sicuramente avete in casa e potete utilizzare senza problemi è il brillantante. Proprio lui, quello che rende la vostre stoviglie e i vostri bicchieri luccicanti e brillanti. Diluite una tazzina di brillantante in mezzo litro d’acqua demineralizzata e potrete tranquillamente sostituire, per le emergenze, il prodotto anticalcare che utilizzate abitualmente.

CA_losaiche_cover_immagineinterna_03

Infine, installare un addolcitore per acque particolarmente “dure” potrebbe davvero fare la differenza. Rimuovere il calcare sarà più semplice e meno faticoso.

Sono certa che tra tutti questi rimedi troverete anche voi quello più adatto alle vostre esigenze. Scommettiamo?