close
Buttare l’acqua della pasta? Ma anche no!

Buttare l’acqua della pasta? Ma anche no!

24 marzo 20171998Views
CA_LoSaiChe_2017_03_24_Cover_V01

Un gesto quotidiano, metodico, automatico. Buttare l’acqua della pasta dopo aver cucinato.

Già lo spreco dell’acqua diretta è risaputo, ma se potessimo, senza alcuna spesa e senza alcuno sforzo riutilizzare l’acqua già bollita della pasta sarebbe proprio una gran cosa!

Prendete nota anche voi dei vari utilizzi alternativi dell’acqua, che una volta bollita, diventa ricca di sali minerali e amido. Scoprirete così di poter risparmiare sui detersivi, sui pesticidi, sulle pietanze, e tanto altro ancora.

Quanti di voi buttano via l’acqua della pasta? Beh da oggi in poi non fatelo più. Ecco perché:

  • L’acqua bollita e salata può tornarci utile nei vari impasti di pane, pizza e focacce.
  • Per amalgamare sughi e salse troppo “asciutti” come il pesto, o il formaggio spalmabile, la carbonara ecc.

CA_LoSaiChe_2017_03_24_ImmagineSingola_V02_01

  • Si possono aggiungere spezie ed erbe aromatiche quando è ancora tiepida e poi potrà essere usata per diluire altre pietanze o come base per zuppe e minestre troppo “fitte”.
  • Trasferita in un’altra pentola con il cestello adatto può essere utilizzata per cuocere a vapore altri alimenti.
  • Se l’acqua non è troppo salata potete utilizzarla per lasciare in ammollo i legumi secchi. Ovviamente la stessa acqua non potrà essere utilizzata in fase di cottura.
  • Buttarla sì, ma nel lavandino dove avremo aggiunto l’aceto. L’acqua bollente e l’aceto, insieme, avranno un enorme potere sgrassante e anti odore per i tubi di scarico.
  • In giardino come diserbante naturale (in quanto salata) per eliminare le erbacce.
  • Prima dello shampoo utilizzate l’acqua di cottura del riso, ricca dell’amido, per un impacco ai capelli da tenere per almeno 15 minuti. Poi lavare come consuetudine. Questo rimedio è particolarmente indicato per donare volume e morbidezza ai capelli.
  • Come pediluvio aggiungendo, a piacere, dell’olio essenziale alla lavanda. L’amido che rilascerà avrà un ottimo potere emolliente e anti sudore.

CA_LoSaiChe_2017_03_24_ImmagineSingola_03_V01

  • Mettete l’acqua bollente della pasta nel lavandino e lasciate in ammollo le stoviglie prima di metterle nella lavapiatti. Il potere sgrassante dell’acqua bollente e dell’amido faciliteranno le operazioni di pulizia.

Infine potrete fare felici i vostri bambini (e il vostro portafogli) realizzando in casa la pasta di sale con pochi semplici ingredienti: acqua di cottura della pasta, farina, sale in proporzioni uguali, e un cucchiaino di olio e uno di colla vinilica per preparare l’impasto.

Utilizzate i coloranti alimentari oppure gli acquarelli per colorare la pasta di sale.