close
La Puglia nel piatto. Mangiare all’aperto con gusto

La Puglia nel piatto. Mangiare all’aperto con gusto

10 agosto 20182748Views
losaiche_cover_puglia

La Puglia è un continente. Montagnosa e rurale nel Subappennino dauno, rocciosa e arcaica nel promontorio garganico, si stende in una piana frumentosa nel Tavoliere, si fa siccitosa sulla Murgia, olivicola e mercantile sul mare, per diventare di sughero e neve a sud del capoluogo e tornare friabile e aspra nel Salento.

Raffaele Nigro, scrittore e giornalista, descrive così la Puglia, regione dai mille volti, capace di cullarti con il suo mare, di darti refrigerio con le sue montagne e di incantarti con i suoi sapori. Una lunga striscia di terra piena di sorprese. Anche a tavola. Qui, ad ogni suo angolo, si nascondono trattorie e ristoranti dall’atmosfera conviviale e fuori dal tempo. Posti belli dove fermarsi a cenare in riva al mare o magari al fresco delle montagne, nell’entroterra pugliese. Ristoranti che, senza prezzi esagerati, vi sapranno stupire con la loro atmosfera, i loro profumi e soprattutto con i loro prodotti semplici, genuini e buonissimi.

CA_losaiche_puglia_immagineinterna_03

Brindisi – Piazzetta Colonne

Ai piedi della colonna romana, simbolo della città di Brindisi, proprio sulla scalinata di Virgilio sorge il ristorante Piazzetta Colonne. Cenare qui, in estate, guardando gli yacht ormeggiati al porto e godendo della cucina dello chef è un regalo che vi dovete fare. Mare davanti, pesce nel piatto. Prima cosa da chiedere a Fabrizio Tregua, titolare del locale, sono i ricci. Assaggiate poi il crudo, la specialità del locale, e fatevi portare una buonissima tartare di tonno. Provate poi le orecchiette preparate rigorosamente a mano da Donna Silvana, una simpatica signora pugliese. Ordinate quelle al nero con cozze, vongole, pomodorini, rucola e cacio. Il profumo della brezza marina mescolato a quella del pescato locale, le onde del mare come sottofondo… la perfetta location per una serata speciale.

Sevelletri di Fasano (Brindisi) – La Taverna di Umberto

Davanti a voi il mare. Nel piatto specialità della cucina pugliese, soprattutto di mare. Se vi fermate in questo ristorantino, fatevi consigliare dallo chef. Piatti da ordinare sono il tradizionale riso patate e cozze, ma anche gli scorfani di scoglio al forno. Se amate i fritti, non perdetevi la frittura di paranza. La Taverna di Umberto è un posticino semplice, ma che propone cucina di qualità. Un indirizzo da annotare sul vostro diario di viaggio.

Polignano a Mare – Pescaria

Se andate da Pescaria, dovete assaggiare il polpo. Crudo, carnoso, da sogno. Un locale nato nel 2015 da un’idea molto semplice: mettere il pesce in un panino, il crudo di mare pugliese. Qui infatti potrete ordinare meraviglie come il panino con tartare di tonno, stracciatella, pomodoro, basilico e cipolla di Acquaviva o il sashimi di baccalà con briciole di pane, mosto cotto di fichi, pepe nero e cacioricotta. C’è tanto da assaggiare a Pescaria e mille motivi per tornarci.

Bari – Osteria Le Arpie 

Qui potrete mangiare indisturbati sotto volte di pietra nel centro storico di Bari. Il menu è semplice, ma troverete tutte le specialità della cucina regionale. Assaggiate assolutamente le orecchiette fatte in casa con la braciola, piatto tipico della città. Se invece preferite le verdure, prendete fave e cicoria accompagnate da pane d’Altamura. Molto buoni anche i cavatelli caserecci con rucola, pomodori pachino e cacioricotta. Dopo una bella e stancante passeggiata sotto il sole pugliese, fermatevi qui per rilassarvi e soddisfare la vostra fame, gustando piatti semplici, economici ma buonissimi.

CA_losaiche_puglia_immagineinterna_02

Locorotondo – U Curduun

Capocollo di Martina Franca, salumi del Salumificio Santoro e pasta Senatore Cappelli. Queste alcune delle materie prime di altissima qualità della zona di Locorotondo. Oltre ai molteplici fornelli dove potrete mangiare le classiche bombette di Locorotondo, fermatevi al ristorante U Curduun. Merita una tappa del vostro viaggio enogastronomico. Menu a 25 euro e un pieno di bontà: busiate di semola di grano duro integrale “Senatore Cappelli” dello chef “U Curduun” e coniglio di masseria ai profumi dell’orto. Come dolce non perdetevi il pasticciotto alla crema e amarena.