close
Semi in cucina, il “crunchy” che diverte a tavola

Semi in cucina, il “crunchy” che diverte a tavola

9 marzo 20185692Views
losaiche_cover_semi

Volete fare un pieno di energie, vitamine, omega 3 e bontà con poca spesa? Allora vi dovete necessariamente dedicare alla conoscenza dei semi. Non è tanto che si utilizzano in cucina. Fino a qualche anno fa li trovavamo solo per guarnire il pane o magari per decorare alcune ricette. Ora, invece, le corsie dei supermercati sono ricche di questi nuovi alleati del nostro benessere. Sì, perché oltre a essere buoni hanno anche parecchi effetti benefici sulla nostra salute. Un’idea gustosa e originale per dare croccantezza e carattere ai nostri piatti. Ecco che una preparazione semplice, con poca spesa, si può trasformare in una ricetta ricercata e originale.

Semi di chia, sesamo e lino

I semi disponibili in commercio sono tantissimi, tutti da conoscere e da utilizzare nelle nostre ricette in cucina. Partiamo dai semi di chia. Si trovano da poco nei supermercati, anche se in centro e sud America si utilizzano da millenni. Questi piccoli semini scuri sono noti per l’elevato contenuto di minerali, soprattutto di calcio. Pensate che ne contengono cinque volte in più del latte e per questa loro speciale proprietà vanno a braccetto con i semi di sesamo. Questi ultimi contengono molto ferro e magnesio, elementi di cui sono ricchi anche i semi di chia, che invece, come i semi di lino, contengono acidi grassi essenziali fondamentali per la nostra salute, come Omega 3 de 6.

CA_losaiche_semi_immagineinterna_02

Semi di papavero, di zucca e di girasole

I semi di papavero possono essere bianchi o neri e sono, come tutti i semi oleosi, una ricca fonte di grassi e proteine. Sono poi una preziosa riserva di calcio, Omega 6 e vitamina E. Quest’ultima è contenuta anche nei semi di zucca, che sono considerati i “parenti poveri” della famiglia dei semi oleosi, anche se in realtà sono un alimento molto nutriente. Sono infatti ricchi di minerali e sono integratori naturali di fosforo. Alleati della nostra salute sono poi anche i semi di girasole, che oltre ad avere un elevato contenuto vitaminico, sono anche un’ottima fonte di magnesio e acido folico.

Colazione energetica

Siete i tipi da yogurt, cereali e frutta fresca di stagione alla mattina? Allora non potete assolutamente rinunciare a una buona dose di semini a guarnire la vostra super colazione energetica. Potete scegliere quelli che preferite, ma particolarmente indicati sono quelli di zucca, girasole e lino. Oltre a darvi una buona dose di vitamine e minerali, saranno un nuovo elemento che aggiungerà croccantezza al vostro buongiorno.

Croccante di semi

Siete dei golosoni e amate i dolci? Allora dovete necessariamente prepararvi un buonissimo croccante di semi e frutta secca mista. Una buona idea potrebbe essere abbinare le mandorle a semi di lino, sesamo, girasole e zucca. Se non volete utilizzare lo zucchero bianco, potete usare miele e zucchero mascobado, che è di canna, grezzo e biologico.

Puntarelle agli agrumi

I semi sono perfetti anche per guarnire deliziose insalate. Se ne volete preparare una diversa, colorata e gustosa prendete 2 patate e lessatele in abbondante acqua salata. Lavate e tagliate a listarelle 16 puntarelle. Fatele marinare per qualche minuto in un’emulsione di olio, limone, sale e pepe. Pelate a vivo un’arancia e tagliatela a dadini. In un piatto preparate una base con le puntarelle, aggiungetevi la dadolata di arancia e sbriciolate la patata. Decorate con semi di papavero.

(Ricetta tratta dal libro di “Vegolosi” – Ricette di cucina vegana).

CA_losaiche_semi_immagineinterna_03

Salmone con semi di papavero

Questa per me è la ricetta dell’amore. Perché dico così? Perché me l’ha cucinata il mio fidanzato. È una sua preparazione, un modo secondo me molto creativo per proporre un pesce che spesso mangiamo in versione gourmet. Per prima cosa prendete quattro tranci di salmone, togliete la pelle e massaggiateli con olio e sale. Poneteli sulla teglia ricoperta da carta da forno. A questo punto ricopriteli di semi di papavero (solo sopra). Con la cottura questo strato si trasformerà in una vera e propria panatura croccante. Infornateli per 15 minuti a 180 gradi. Il salmone all’interno deve rimanere rosa. Accompagnatelo poi con un’insalata di ceci, pomodorini, pomodori secchi, erba cipollina e semi di papavero. Se amate lo zenzero aggiungete al vostro piatto una salsina fatta con panna acida, limone e zenzero.